abbonati al nostro blog è gratis e ci fai piacere

domenica 20 gennaio 2019

fatevi i gatti vostri n. 1217 "accidenti a me e a quando ci so venuto quassù "


E' freddo.E sto in casa coi gatti. Temo il ritorno di Holly perché da un po' di giorni un fa altro che rompemi le palle che c'è la casa sudicia e che ho tutta la roba sul tavolino, ma dioboia dico io, ci siamo stati in 14 miga in uno tuttora siamo in 4 che si gira qui dentro. Possibile che il casino lo faccia solo io? O come cazzo deve fa un omo abituato tutta la vita ad armeggiare coll' arnesi a sta chiuso in casa 24 ore senza fa un cazzo? Ieri m'ero messo col caminetto a alcole e i du gatti nello studiolo e siccome lì la televisione un ci s'ha n'ho montata una vecchia co un lettore di cassette e mi so messo a guardà Moulin Rouge



co quello stianto di topa di Nicole Kidman che se ni fosse garbato un omo adatto ala su taglia darei corso perfino n' Australia o Holliwoodde a piglià il numerino ma nvece ni garba vella mezza sega di Tom Cruise a leilì, vedete perché un si riesce a capille le donne?
Nzomma torna Holly mi vede ala televisione e comincia a bercià che sembrava ammattita " Ecosa è ora st'altro intrigo? E non ti bastava la tele della camera?" 
"Sì ma dovevo accende il termosifone e siamo senza soldi nvece col caminetto a lcole consumo 20 centesimi l' ora e col costo d'un caffé io e i gatti si sta a bollore 5 ore" ma oté quando so incazzate nemmeno ti lasciano spiegà.  Poi c'era Nicol kidmann cole zampe  e le mele mezze di fori e allora sì che si dava l' aire pe incazzassi di più.




 "E la macchina da scrive sur tavolino?" (detto in veneziano ovviamente ma mi ricordo solo 'tola che vole dì tavolino)  
"Ma madonna vipera, dico io,  ma se voglio scrive e io un post lo posso scrive al pc ma un raccontino un mi riesce o dove lo devo scrive sula carta igienica? Così poi mi ci pulisco r culo  la butto tiro l' acqua e un c'è più traccia di niente nemmeno del racconto". 
Queste so le foto delo studiolo salotto, c'è roba, ma io devo anche vive e ho bisogno dele mi cose, in tutto il resto dela casa non ho nemmeno no spillo e anche qui ci vengano tutti e un dico mai niente. badate questa è na panoramica è davvero na cosa così oscena?


 

Holly ha ragione, è casa sua, quindi  mille volte ragione ma mi conosce e mi conosceva prima, l' adattamenti che potevo fa l' ho fatti, bevo poco (armeno rispetto a prima) mi curo e mi so trasferito da mi posti. Ora poi se ci devo vive qui mica posso sta in una gabbia dell' uccellini se no torno a Livorno c'è r mi mare, ir mi barre, i mi amici e le mi radici e ci si vede quando capita che ammé manderebbe anche meglio invece di marcí quassù in questo padule di merda in mezzo ala terra che osanna la lega e a una grossa percentuale di gente che fori che a soldi e a lavorà un penzano a altro. Malidetta la chiesa e i pretacci  che niánno fatto crede nela vita eterna a sti brodi. Pensano di portalli di là i vaini nzieme cola casa r giardino e le ferie mai fatte pe mette via sotto il mattone. Ovviamente un parlo di Holli che pe ste cose la pensa come me ma in un ambiente di merda così Cosa cazzo ci ho da divideci io co sti elementi? E come fo a sopravvive se un mi immergo ne mi mille ammennicoli.
Dante



sabato 19 gennaio 2019

fatevi i gatti vostri n 1216 " un appello di Zanzara"

Non non cerco aiuto per trovare un fidanzato per l'amor d' iddio" me n'è passata la voglia così come mi passò  quando feci l' indigestione di tortelli di pesce, solo a sentì l'odore mi veniva da rigettà e mi durò più d'un anno.  In questo caso si tratta di roba più raffinata dell' omini. Vengo al sodo:
Del nostro gruppo sono l' unica che non riesce proprio ad abituarsi agli ebook. Se si tratta di testi di consultazione, manuali di cucina, libri di musica con spartiti no problem ma se debbo leggere Garcia Marquez in ebook è una disperazione. Non ho un kindle paperwhite, quei tabernacolini che più piccoli di un librio  tascabile e con una pagina retroilluminata di color della carta stampata. Ho però provato ad usarli e dopo poco anche con quel dispositivo la lettura mi risulta ostica. probabilmente per mia forma mentis ho bisogno di sfogliare di piegare la costola di fare le orecchie alle pagine di annotare insomma di vivere il libro.
Alcuni anni fa lessi il commento anonimo di uno sconsolato manager dell'editoria libraria italiana "Abbiamo poche idee, e quelle poche falliscono sempre"Il lapidario commento era  contenuto in un'inchiesta firmata da Pietro Melati, e pubblicata in un Venerdì di Repubblica. Si trattava di una dichiarazione tanto deprimente quanto vera, purtroppo. Per il mondo del libro questi sono infatti anni durissimi.
In quel contesto non certo incoraggiante, la Mondadori decise di investire in un progetto innovativo, il "Flipback", con il quale la casa editrice tentava di ascoltare, e meglio ancora anticipare, i bisogni dei lettori.
Ma di cosa si tratta? Chiariamo subito che non si sta parlando di una sperimentazione in ambito digitale. I "Flipback" (in libreria dall'8 maggio 2014) sono infatti libri cartacei in un nuovo formato, che si leggono in verticale e si sfogliano con una sola mano, dal basso verso l’alto, eccezionali sotto il profilo industriale, realizzati con una cura e una qualità quasi desuete nell'attuale panorama produttivo.

Mentre si parlava tanto di e-book e ci si interrogava sul futuro dell'editoria libraria, a Segrate tentavano di riportare al centro la carta: "prendere in mano un 'Flipback', osservare come le pagine si distendono all’apertura, sfiorare la consistenza della carta e apprezzare la robustezza della legatura cucita sono esperienze percettive di autentico piacere per chi ama i libri", facevano notare.

Il progetto mi parve eccezionale e attesi con ansia le prime uscite guardate che simpatico questo dell Cromwell che porto nel taschino del piomino e pera meno di un cellulare! L' ho fotografato in un ambiente ideale poi! Nello studiolo di Dante su una mitica typewriter e con vicino il Cielo sopra Berlino di Wim Wenders in vhs, un piccollo museo del cult.







Se nell'attenzione alla qualità fisica questi libri riportavano in vita  la tradizione di un'editoria antica, nel formato innovativo interpretavano una sensibilità squisitamente contemporanea: sono infatti libri comodi, agili, veloci, belli, tascabili in senso letterale,  eleganti e 'cool' allo stesso tempo. La soluzione perfetta per chi persegue il piacere della lettura su carta nelle pieghe di uno stile di vita sempre più incalzante e dinamico.

I "Flipback" (12cm per 8cm) furono messi in vendita mediamente tra i 9 e i 18 euro troppi per me che ne comprai solo alcuni. Piano piano sono quasi scomparsi dal mercato con mio sommo dispiacere.
ed ecco l' appello cui ho fatto riferimento nel titolo.
Qualcuno di voi saprebbe indicarmi se nella sua città ne ha visti per caso nei negozi di usato?
Vi ringrazio di cuore

Zanza

venerdì 18 gennaio 2019

fatevi i gatti vostri 1215 "la laguna perfetta"

Ore 4,30 suona la sveglia, ti alzi meccanicamente accendi la luce, Balena sbuffa rantola e si riaddormenta  Dante si gira dall' altra parte offrendoti lo spettacolo osceno del sedere pieno di puntolini delle iniezioni. Prendi la pasticca sul comodino afferri Esserino tra le ginocchia gli blocchi la mandibola e la apri col pollice e l' indice gli infili la pastglia sulla lingua e serri finche non senti che ha deglutito. Funziona ma non sempr,  in una settimana ho trovato 2 pasticche sulla coperta. Ti alzi 5 minudi di bagno mentre passa il caffé. Prepari il piatto a Balena che tra un poi' avrà fame e Dante pur con tutta la buona volontà gli darà il cibo errato.Via scendi dalle scale. Nebbia fitta, con passo veloce, per scaldarti,  raggiungi la barca.



 Salti su attenta a non scivolare. se cadi in acqua vestita è morte al 90 %.  Tiri via il telone cosi freddo da non potersi tenere in mano. Ti avvicini al quadro comandi, reciti il mantra al dio diesel perché il motore si avvii senza problemi. Una mancata partenza determinerebbe casini a catena. Non vedo l' ora di rimettere come riserva l'altra mia barca. Necessita di alcune trasformazioni  e di tirar via l'allestimento da pesca. Lavoro che mi farà Dante ma operare  in acqua di questi tempi non è la miglior cosa per lui. Il vecchio e lento motore sbuffa sbatte e poi comincia il suo tron tron regolare. Molli gli ormeggi, ti distacchi, percorri il rio, superi il bacino di Santa chiara. La grande distribuzione opta perfino per far trasportare interi TIR sulle piattaforme naviganti che poi li riportano al Tronchetto da dove possono entrare in strada e percorrere il ponte che separa venezia dalla sua terraferma.

E allora via verso il Tronchetto a fare il primo carico,  passi la ferrovia e ti ricordi che, da bambina, con tuo padre, chiedevi sempre se il treno non potesse cadere sulle barche. Impossibile rideva lui, è morto prima della caduta del ponte Morandi. Niente è impossibile in Italy. I gabbiani sono già in ricognizione più per i sacchi delle scoasse che per la loro tradizionale picchiata sui pesci. Una vasta famiglia di anatre si sposta tra le barche.


Altre preferiscono le abluzioni alla fontanella

Cominci a incrociare i colleghi. Il mio mitico compagno di infanzia, di cui postai il video, sta già facendo il primo ritorno. 

"Ciao more" mi grida con la sua voce rauca." Ciao Mauri!"  Deve aver iniziato alle 3. Lui porta soprattutto birra e i bar alle 5 devono già esser stati riforniti, poi continuerà con le forniture dei ristoranti che iniziano il lavoro vero e proprio verso le 9 e mezzo. Tutti sono in movimento con i loro "mototopi" anche i corrieri tipo UPS e Fedex.
Ormai il motore è a pieni giri, viaggio a 7 nodi,  la massima consentita in questo tratto, a dire il vero a Venezia si usano i km/h come per le auto ma Dante ha messo il contamiglia perché sta cafonata dei km in mare non la sopporta e non mi è costato molto dargliela vinta. Al Tronchetto tutti sono indaffarati, tutti mi salutano e ricambio sono alla barra di una magnifica barca, come sempre in acqua. C'è qualcosa di meglio al mondo?
6, 30 Ho finito un giro  e  mentre aspetto i colli in ritardo, per il secondo, gli amici trasportatori  mi offrono  qualcosa di caldo al kiosko bar. Loro bevono china, rabarbaro o marsala, io opto per un tè bollente con uno spruzzo  di rum. Gli uomini annuiscono in  approvazione di questo mio  mix abbastanza virile. Scrivo questo post al volo, col cellulare  e, per una volta, provo a  esaltare la mia quotidianità scimmiottando il famoso inizio de "la  tempesta perfetta"


Buona giornata a tutti! Scusate le foto un po' mosse, dalla barca, con una mano sola non è facile
Holly



giovedì 17 gennaio 2019

fatevi i gatti vostri , 1214 "I sagri confini" Nado brass band + armonica e percussionii

Stamattina io e Dani siamo rimasta a letto a ride. Di che? Di tutto! Anche der fatto che a vorte ci si piglia troppo sul serio, Poi ci siamo messe a riordinà il numero davvero consistente di opezzi musicali che si so prodotti a casa e in strada durante le feste. Tra tutti ce n'è uno che ha fatto guadagnar alla Bar Nado bras band una vera ovazione. Lo si voleva mettere prima ner blogghe pe facci du risate ma Dante s'era opposto colle lapidarie parole: "boia dé era meglio se un l'avevo sonato sto troiaio! Ma un hai visto come battevano le mani? C'è mancato poco che arrivasse anche Sarvini cola giubba da brigadiere a dacci i r cinque e a pagacci un bicchier di vino!"
Insomma presto capirete il perché. Eravamo tutti in un cantuccio di Campo San Polo, non lontano da casa e sonavamo, le trombanti, Sama, io ale percussioni e c'erano anche Dante e Dino. Una delle poche giornate in cui Dantino si sentiva meglio cola gamba. S'era appena fatto un po' di repertorio di tanghi e valzerini perchè l' uditorio non era propio di giovanissimi quando un signore molto anziano si avvicina a Sama e ni dice se ni si potrebbe fa una canzone a richiesta.
"Boia dé" fa Sama, "se un' s'avesse ner repertorio si pole sempre improvvisà". E nel repertorio un c'era ma il Ciampi sarta su: "Dantino la sa fa perche quando s'era ar liceo ci s'aveva una fascistona di professoressa di latino che ogni tanto pe falla ride un pochino quando s'aveva n intervallo fra du ore di lei  ni si faceva questa e lei compiaciuta osservava "in questa classe meno male che quarcheduno si ricorda dei valori patrii". Al che Cannavota che sedeva du banchi dietro a noi si abbassava come pe allacciassi le scarpe e portato il pugno alle labbra mollava una di quelle pernacchie che non avrebbero sfigurato neppure in un firme di totò. Lei si infuriava e allra Dantino esordiva "Proffe proffe aspetti lo so io come fa a svelà questo comunista nfame e si metteva a sonà bandiera rossa a tutto volume arché Cannavota, Barabba, e il Necci s'alzavano cor pugno chiuso in alto e gridavano "viva i sacri confini della madre Russia". Roba da fanni ven' un accidente a quella vipera di donna!"

Oh non ci crederete appena s'è eseguita la gente che ci ascortava s'è messa a batte le mani e quarcheduno voleva anche ir bisse. Ci credo che quassù Sarvini fa furore, il fatto è che mi pare prencipi a fa furore anche più in giù.

Zanza

mercoledì 16 gennaio 2019

Fatevi i gatti vostri 1213 " Tra gatti e lavori" post di Holly

Ecco le notizie fresche di Esserino: alla visita l'area polmonare destra risulta bella libera mentre a sinistra ci sono ancora de grossi movimenti di catarro e sibili tipo asma. La veterinaria è stata contenta perché quando gli assegnò le terapia il micio  aveva dai 20 ai trenta attacchi il giorno, che sembrano una cosa stratosferica  ma in realtà non lo sono perché un gatto con l'asma può avere anche 100 serie di starnuti e colpi di tosse nelle 24 ore. Comunque anche il disturbo di Esserino era di tutto rispetto. Adesso gli attacchi si sono ridotti a 4 o 5 nella giornata e in alcune giornate anche solo a 2. In pratica Dante tossisce molto di più anche quando sta bene.
Gli è stato però prescritto un nuovo ciclo di cortisone (leggero) la doc sostiene che in gatti anziani la scomparsa dell' asma è idea quasi illusoria. Contenere, però. l' incidenza del disturbo è cosa notevole e non dovrebbe far temere aggravamenti futuri.
Eccolo in due sue pose molto particolari: mentre prende un po' di sole in terrazzo approfittando di una mia uscita per mettere i lenzuoli ad asciugare e di notte mentre osserva  con aria indagatrice Dante e Balena che dormono russando in maniera obbrobriosa. Balena, anche se la mamma dovrebbe astenersi da tali giudizi, è un gran bel gatto ma anche il mio Esserino non mi pare da meno.

Costanza mi ha dato molte utili dritte per il mio lavoro. Ha una capacità di analisi della situazione davvero incredibile. Mi ha voluto aiutare nelle consegne e dopo una giornata di lavoro pur non conoscendo venezia, la resa della barca, i sensi vietati e mille altre diavolerie da calcolare sapeva perfettamente come sistemare la roba per le consegne del giorno dopo. Dante in 15 anni non c'è ancora riuscito non per carenze d'intelletto  ma per rifiuto assoluto di voler accettare realtà che gli si propongano diverse da come la sua testa le vorrebbe. Invece Costanza ha capito subito i pro del lavoro. Il primo dei quali è il fatto che la roba a Venezia dovrà comunque sempre essere portata in barca e quindi non ci sono da temere flessioni del lavoro, poco da temere anche la concorrenza perché oprima che una persona acquisisca la capillare conoscenza di venezia per competere con un veneziano ce ne vuole. Terza se anche ditte potenti assumessero personale a basso costo oltre alla difficoltà di trovarlo coi titoli necessari per pilotare non potrebbero fidelizzarlo per periodi lunghi.  Gli elementi sfavorevoli sono ovviamente: lo sforzo fisico, l'esposizione alle intemperie, i guasti motore, le sostituzioni. Secondo lei bisogna avere per forza due barche per non rischiare di perdere clielìnti se avviene un guasto. Meno male che la mia vecchia barca non è stata venduta. Ha voluto in tutti i modi pagarmi lei  le poche migliaia di euri che dovevo al rimessaggio. Era appena rientrata in Svizzera che il cantiere mi ha chiamato dicendo di aver ricevuto il saldo. tanta sollecitudine mi ha commossa. Ho accettato, però solo perché sapevo che glieli potrò rendere in pochi mesi mentre tutti insieme non sarei mai giunta, mai ad averli. Altro punto importante considerato che Dante sta sempre peggio, è formare un' altra persona in grado di sostituirmi. Qui la cosa si presentà un po' difficile perché se tutti9 i lavori a Venezia son quasi ereditari il motivo c'è. Insegni un lavoro a una persona e dopo due mesi potrebbe pensare di scavalcarti e proporsi al tuo posto. Se tornasse Dani anche se non è il suo mestiere so di poter contare su di Lei. Sia lei che Bobby sanno pilotare e conoscono Venezia quasi quanto me. Questo è un punto da rivedere e approfondire. Costanza mi ha anche promesso che si interesserà per raggomandarmi presso alcuni grossi distributori di medicinali. Non ne abbiamo mai parlato ma il suo  business sta nella compra vendita di componenti e principi primi per l'industria farmaceutica. In pratica lei ha sotto di sè grossa schiera di brokers che comprano e vendono sui mercati di tutto il mondo guadagnando ovviamente sugli scambi. A dirlo così pare una cavolata ma mi ha fatto vedere per 5 minuti come si svolge il tutto e mi viene il mal di testa solo a pensarci. Comunque di medicine ci sarà sempre bisogno e quindi il suo settore è una nicchia quasi inattaccabile. Mi ha promesso che farà un paio di telefonate per farmi avere delle commesse inerenti il trasporto e la consegna. "Holly- mi ha detto- a parte il piacere di aiutarti considera che le medicine si consegnano sempre e che i pacchi pesano poco secondo te è meglio consegnare aspirina o bottiglie di acqua minerale e fusti di birra alla spina come fa il tuo amico Maurizio (ricordate quello del filmato). Non fa una piega e soprattutto consideratio che Dante non accenna a migliorare avere delle scatole che lui alza con 2 dita non sarebbe cosa da poco.
Un bacione e grazie per l' interesse che dimostrate per la nostra vituccia veneziana e sopratttutto per gli amatissimi mici.
Holly

martedì 15 gennaio 2019

fatevi i gatti vostri 1212 "Il Gato Guardiano"

Erino indati tuti fori ogi 
anca Serino velme sendo che lo avevino da facierie rividere dala veterinaia sendo che eso tosiva e isputava come babo Date e li avino fato i corti suonici come a del babo e ava miliorato ma poco come anca del babo Dante che anca eso no meliorava come del gato e alora in dela caseta ciera masto il lunico esere che puotevasi a razione definisciere GATO in tuta la esenzia di semmedesimo osia ME il GATO GUARDIANO anche dito Gatangielo Gustode da cui il preghieramento: "Gatangielo del Sinior Gato Eternisimo lumina custudisciscisci regi gubierna annoi amenne".


lunedì 14 gennaio 2019

fatevi i gatti vostri 2011 " Zanza dalla" un consiglio del maitre a pensè Dino Ciampi

Ieri si so fatti un sacco di progetti.
Dino farà una bella cura disintossicante in Svizzera e Costanza promette di rimandarcelo come novo a meno che lui non si faccia convicere a un' altra cosa che ora un la posso dì perché sarebbe una sorpresa troppo ghiotta nel caso in cui andesse in porto.
Sama Daria e Martina verranno qui con frequenza bimestrale o trimestrale se un trovan di meglio da fare. Danì gli affitterà la casa a Equo Cane ossia lei un voleva niente, sennò un sarebbe nipote del su zio, ma le ragazze hanno detto perentorie: "allora o un si viene o si affitta da  n'antra parte". A quer punto Danì ni ha proposto na sistemazione economicissima: Loro s'arrangiano nela stanza più piccina e ni daranno quello che gli pare a loro, mentre in quella matrimoniale  affitterà 2 posti letto a studentesse armeno fino a giugno. Siccome pole darsi che ad Aprile dica definitivamente ciao all' Inghilterra nel tempo in cui farà su e giù se ci fossero le ragazze, che tanto più di du settimane è difficile che si fermino lei starà giù da noi.
Zanzina è combattuta tra la trappola a vita del Bar Nado e il desiderio di levassi un po' dale palle. Se Dani viene via da Londra guasi guasi proverebbe lei pe un  tre mesi a divide la casa con Bobby. S'è riso subito perché da sempre si sa che  a tempi de tempi, quand'erano sula diciassettina d'anni, Dani moriva dietro a Riccardino r' tafano fratello di Zanza  e Zanzara a Bobby fratello di Dani ma non c'hanno fatto ciccia nessuna dele due né una dele du sorelle è mai riuscita a intercede pell' amica del cuore. Forse proprio perché erano davvero troppo amici fin da ragazzotti e quando siamo amici e si sa: a metteci l' uccello e la topa  di mezzo s'ha paura di sciupà tutto sia ir letto che l'amicizia. Anche io ho sempre avuto ritegno a movemi  in quer senzo all' interno dell' amicizia e mi pare buffo come oggi un si faccia altro che parlà di trombamici scopamici e via discorrendo mi pare una di quelle budellate figliole di internet ma forse so io che so vecchio o forse ho avuto culo nele mi vita di un dovemmi troppo affaticà pe trova na ragazza così tutti sti mezzucci un l'ho mai sopportati ma se a quarcheduno ni funzionano bene che facciano pure come diceva ir povero Don Luigi: a letto e sur campo di battaglia un ci son regole che tengano.
Aconclusione dela serata s'è fatto cantà a Zanza la canzone dell' anno novo. A dì ir vero Dino mentre già si sonicchiava tutti s'arza dala sedia e ni fa " Zanza dai Dalla Dalla" ar che Zanzina che è di spirito n'ha risposto : Pe na vorta che avevo deciso di dalla davvero bada che m'è successo, prima di dalla a dele merde di quel genere me la cucio e piscio co na cannuccia!"
Ovviamente poi ce l' ha cantata  vella di Lucio Dalla, che ner locale dei cinesi le aveva fatto raccogliere un fottio di consensi.
Eccola cor maestro Ciampi e con un po' di base internet perchè parecchi strumenti son già partiti.


Holly difatti  è già andata via  cola barca perché Sama e le Trombanti hanno un mare di strumenti, così le scende proprio davanti ali scalini dela stazione che, a Venezia, arrivano proprio in acqua. Bisognà arrivà però prima dell' 8 perché dopo scatta ir divieto d'approdo pei mezzi privati. Quello di Holly ci pole andà essendo da trasporto ma è da trasporto cose, quindi se ci porti la gente pigli la multa.

Bona Giornata a Tutti
Dante